I Plexiglass
Nel 1964, presso la Galleria Sperone, espone un gruppo di sette lavori in plexiglass e fotografia. Il muro, ad esempio, è costituito da una semplice lastra di plexiglass appoggiata alla parete. Scala doppia da due lastre di plexiglass sulle quali sono riportate le fotografie delle due rampe che costituiscono la scala. Tavolino con disco e giornale è un parallelepipedo in plexiglass su cui sono applicate le foto di un tavolino, un disco e un giornale. Queste due ultime opere riprendono il soggetto di due quadri specchianti dello stesso periodo. Si tratta di un primo passo nell'esplorazione, all'interno dello spazio reale, di quella nuova dinamica spaziale scoperta con i quadri specchianti. Allo stesso tempo di una presa di posizione rispetto all'utilizzo di oggetti comuni in ambito artistico praticato in quegli anni e di una prima dichiarazione di “concettualità” dell'arte.

“Mi trovo nel quadro, oltre il muro bucato dallo specchio, anche se non materialmente. Anzi, siccome mi è impossibile entrarci, per indagare nella struttura dell'arte devo fare uscire il quadro nella realtà, creando la finzione di trovarmi oltre lo specchio. È facile in questi anni equivocare sull'identità tra oggetto-reale e oggetto-arte. Una “cosa” non è arte; l'idea espressa della stessa “cosa” può esserlo.” (M. Pistoletto, I plexiglass, Galleria Sperone, Torino 1964)

scarica il testo di Michelangelo Pistoletto "I Plexiglass" (PDF)
clicca sulle immagini per ingrandire
I Plexiglass
Il Muro
Filo elettrico appeso al muro
Scala doppia appoggiata al muro
Filo elettrico caduto
Segnale rosso su plexiglass, sul muro
Tavolino con disco e giornale
Pila di dischi
 MICHELANGELO PISTOLETTO
Opere